Ribilanciamento per metalli e miniere

01/02/2022

Se il 2021 è stato l'anno del rally dei metalli e delle materie prime minerarie (M&M), il 2022 si preannuncia come l'anno del riequilibrio, dadi Wood Mackenzie. Il vicepresidente della società di ricerca, Giuliano Bollitore, ha detto: "Il risultato più probabile è un ambiente in cui i prezzi delle materie prime saranno in grado di stabilizzarsi dai massimi straordinari nel 2021. Ma ci sono molti rischi in questa prospettiva poiché la pandemia continua a attanagliare i mercati di tutte le materie prime estratte"..

Gran parte delle prove indicano un anno di crescita della domanda inferiore. Lo stimolo del governo potrebbe diminuire, mentre la politica fiscale e monetaria si inasprirà. Il 2022 dovrebbe essere un anno in cui le filiere si riempiono e iniziano a soddisfare al meglio le esigenze dei consumatori.

Ma c'è molta incertezza. Con i blocchi deprecati nella maggior parte dei luoghi, i rischi della domanda di nuove varianti possono essere usurpati da shock logistici e dell'offerta poiché i lavoratori si isolano o si rifiutano di vaccinare. Lo stimolo potrebbe anche protrarsi poiché i governi e le banche centrali si preoccupano più del colpo alla crescita che del rischio inflazionistico incombente. Il dilemma cinese tra economia ed emissioni sarà centrale nei mercati M&M.

Limitazioni all'offerta e boom dei guadagni di metalli e miniere

La carenza di approvvigionamento minerario e i vincoli logistici rimarranno una caratteristica dei mercati M&M nel 2022. Le crisi energetiche in Europa e Cina rimangono irrisolte, influendo direttamente sui prezzi del carbone e mantenendo i costi di input più elevati in tutte le materie prime, in particolare i metalli di base affamati di energia. I colli di bottiglia logistici, la carenza di container e chip, oltre ad alcune politiche commerciali inutili, manterranno inclinati anche i differenziali di prezzo regionali e i premi dei prodotti.

il vice presidente grifone pettirosso ha detto: “L'offerta migliorerà, ma non prevediamo un aumento significativo degli investimenti quest'anno, nonostante il rilancio dei bilanci delle società di M&M. Una domanda ovvia è dove andranno a finire i profitti del 2021? Sappiamo che la tendenza alla diversificazione dai combustibili fossili alle future commodities continuerà, ma c'è stata una carenza di capitale allocato alla crescita organica dei minatori diversificati"..

Decarbonizzazione dei metalli e estrazione mineraria

Con la COP26 fresca nella memoria e la COP27 già in vista, i minatori possono aspettarsi che la crescente pressione si allinei in modo significativo con uno scenario di riscaldamento di 1,5 gradi. Quest'anno aumenteranno le richieste di piani completi di emissioni nette zero e di una divulgazione più sofisticata, poiché gli investitori cercheranno di classificare gli asset in base a parametri ESG.

Bollitore ha detto: “I minatori e i consumatori si concentreranno comprensibilmente sulle opzioni di decarbonizzazione che hanno più senso dal punto di vista economico. Quindi aspettati una sfilza di nuovi PPA rinnovabili e piani captive solari e di accumulo quest'anno nei siti di produzione. Anche il trasporto di mine attirerà molta attenzione con il test del camion da miniera a celle a combustibile a idrogeno 930E. Komatsu presso la miniera di platino di Mogalakwena a anglo, che vale la pena vedere. Ma cerca anche più trazione nelle opzioni di trasporto a batteria, gas, biodiesel e green-diesel”..

L'estrazione urbana, il riciclaggio e la demolizione saranno una priorità per i consumatori, sia come opzione di decarbonizzazione a basso costo nei mercati ferrosi sia come potenziale soluzione alle incombenti carenze di approvvigionamento altrove. Aspettatevi molto rumore dal nascente settore del riciclaggio delle batterie.

Costi: inflazione per accelerare il calo dei margini

L'inflazione dei costi è stata un fenomeno globale nel 2021 e, per il secondo anno consecutivo, continuerà a interessare la maggior parte dei minatori, delle fonderie e delle raffinerie. Le stime minerarie di Wood Mackenzie per il 2022 includono aumenti dei costi moderati nel 2022, ma il rischio è al rialzo. I costi di manodopera, carburante ed elettricità rimangono elevati a causa delle difficoltà di approvvigionamento.

Il costo del lavoro minerario, in particolare, potrebbe prendere slancio a causa di una combinazione di chiusure, malattie e restrizioni alla circolazione dei lavoratori che sono esacerbate dai mandati dei vaccini. Attrarre e trattenere manodopera qualificata nelle miniere è difficile, in particolare nei mercati del carbone, e soprattutto dove la concorrenza dei minatori per le materie prime per batterie o metalli di base è elevata.

L'aumento dei costi, combinato con il calo delle entrate, accelererà il calo dei margini nel 2022. I margini medi annuali rimarranno vicini ai massimi del 2021, ma entro la fine dell'anno gli attuali profitti record saranno scesi al di sotto dei livelli pre-pandemia per la maggior parte delle materie prime.

Cina

La Cina, come sempre, dominerà la performance del mercato per tutti i prodotti M&M. Le decisioni in merito alla geopolitica, al controllo dell'inquinamento e al consumo di energia saranno di particolare importanza.

Griffin ha detto: “Vediamo poche possibilità di porre fine agli attuali divieti sulle importazioni di carbone australiane quest'anno e probabilmente è troppo chiedere importanti miglioramenti nelle relazioni bilaterali globali. I prezzi delle materie prime energetiche in Cina rimarranno più elevati del necessario, con implicazioni per i prezzi dell'energia che a loro volta influenzeranno produttori e consumatori di prodotti M&M..

L'approccio della Cina alla decarbonizzazione e agli obiettivi di inquinamento creerà incertezza e volatilità. Le chiusure sommarie delle industrie ad alta intensità energetica per raggiungere gli obiettivi di emissioni sono state il modus operandi nel regime di "doppio controllo" cinese. Sebbene le chiusure del 2021 siano state negative per la domanda di leghe e materie prime di acciaio, i controlli supplementari sull'inquinamento hanno significato che la produzione da miniera ha più che compensato le perdite di domanda.

Nel frattempo, i mercati dei metalli di base hanno visto la produzione di una fonderia assetata di energia precipitare durante la notte, creando una carenza di approvvigionamento globale. Aspettatevi più interventi nel 2022, anche se con eccezioni ampliate per limitare il tipo di oscillazioni dei prezzi osservate l'anno scorso.

Fonte: ambiente


Noi

Siamo specializzati nel trattamento di prodotti di consumo fuori uso, nonché nella gestione integrale dei rifiuti industriali e nel recupero dei rottami metallici in generale. Coprire le esigenze di approvvigionamento dei nostri clienti con garanzie e fornire servizi di gestione dei rifiuti alle aziende con la massima efficienza in qualsiasi punto geografico della penisola iberica.

America Latina

Spagna